2 set 2008

controlliamo i pensieri

..come vi ho promesso nel post precedente, piano piano anrdò descrivendo metodi, tecniche e convinzioni per contollare il nostro cervello, quindi i nostri pensieri, e di conseguenza i nostri stati d'animo.
Non è semplice spiegare il funzionamento del cervello, purtroppo non siamo nati con un manuale d'uso, ma il bello è proprio questo, dobbiamo crearlo noi il libretto di istruzioni!!.
che poi ci siano persone che usano quel poco che sanno per fare soldi, beh, questo è un altro conto.
Pensate a tutti i trainers che chiedono soldi per divulgare informazioni che dovrebbero essere pubbliche.
La PNL è un esempio, così tanto osannata da AZIENDE che la utilizzano per tutto, dalle strategie per la memoria alla seduzione.
Non è questo il caso ,il sottoscritto regala quel poco che sa...e ne è contento.chiusa parentesi.
Iniziamo da qualche cosa banale..è meglio pensare a una cosa bella che a una brutta. vero?
certo che è vero, siamo capaci di ricordare esattamente suoni, odori, sesazioni..e siamo capaci di ricreare un esperienza quasi reale dell'evento che stiamo ricordando.la nostra mente è straordinaria.
allora perchè se pensiamo a una cosa molto brutta piangiamo, e se pensiamo a una bella ridiamo?
proprio per il fatto che siamo in grado di ricreare esattamente un esperienza, il nostro cervello non distingue un ricordo da una situazione reale.
Da questa riflessione nasce il prmo "pincipio" della PNL. " la mappa non è il territorio"
Mi fermo qui perchè questo blog sarà continuatuvo e voglio darvi il tempo di metabolizzare le cose.
avete capito gia tante cose. metettele in pratica, giocate con i vostri ricordi positivi e scansate quelli negativi. la prossima volta parleremo dell ancoraggio.
bye

0 commenti: