06 mag 2011

Con me queste cose non attaccano!

Ieri, camminando per strada, mi è capitato di ascoltare una frase detta da una ragazza,ad occhio e croce poteva avere diciotto, diciannove anni, che si rivolgeva a una persona che presumibilmente poteva essere suo padre, a proposito di un politico candidato a sindaco di Nocera Inferiore. La frase che ho carpito recitava: “ Quello lì non lo conosco , e non lo voto”.
La cosa non mi è passata inosservata, come quando hai fame , passi vicino ad un forno,e senti quel profumo di pane fresco che ti scuote i sensi.
La frase mi ha colpito soprattutto perché era detta con un tono naturale ma deciso,tipico di quella età, probabilmente non avevano attecchito su di lei probabili pressioni che si erano abbattute in questi giorni. E con molta naturalezza le aveva rifiutate.
Semplicemente, quelle parole risuonavano fresche nell’aria un po’ pesante del traffico serale , piene di speranza. “ Non lo conosco , e non lo voto”, semplicemente.
E’ inutile che mi sorridi come un coglione da quel manifesto, con quel ghigno da stronzo,quella pacca sulla spalla tienila per qualche tuo portaborse, con me queste cose non attaccano, ci vuole ben altro per farti affidare il mio futuro.
Vattene a casa , ripassati la lezione , impara cosa significa "al servizio dei cittadini".
Il sapore della speranza che esiste ancora, e resiste ancora.
“Con me queste cose non attaccano”.










Angelo C.

0 commenti: