28 ott 2011

Master in Critica Giornalistica : L'accademia "Silvio D'Amico" crea i nuovi professionisti



Si parla spesso della crisi della critica, del problema dello scarso spazio in cui è relegata sui giornali, e dell’assenza di  prospettive. Eppure ogni giorno nascono nuove testate che osservano con interesse e passione il teatro, il cinema, la musica e le arti in genere, specie sul web.  Si assiste ad un grande fermento non solo sulla stampa online, ma anche nel proliferare di laboratori e festival che regalano sempre maggior spazio alle riflessioni e agli approfondimenti culturali. 
Il nuovo panorama induce a pensare che il lavoro del critico, illustre per gran parte del Novecento, stia vivendo una nuova primavera, germogliata con l’avvento delle nuove tecnologie e incoraggiata dai molteplici canali d’informazione, che ha bisogno di figure preparate e non improvvisate, all’altezza di questi continui cambiamenti.
Formarsi come critico, oggi, significa dunque non solo saper leggere il cinema, il teatro o la musica e saperne scrivere, ma anche essere in grado di capire i mutamenti in atto nell’universo dei linguaggi audiovisivi per poter svolgere un  ruolo di vero e democratico divulgatore culturale in grado di mantenere vivo il rapporto tra arte e pubblico.  
Tenuto conto di queste trasformazioni e delle diverse esigenze formative, ha trovato terreno fertile in  questo blog la nuova iniziativa dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” dove si terrà un  Master di Primo Livello in Critica Giornalistica di Teatro, Cinema, Televisione e Musica, volto a creare i giornalisti critici del futuro e gli addetti agli uffici stampa del mondo dello spettacolo. 
L’Accademia ha già siglato accordi di partnership con RAI, Adnkronos e con vari, prestigiosi teatri come l’ Eliseo e il Sistina, il San Carlo di Napoli, il Teatro Massimo e il Biondo di Palermo. 
Ha ben pensato di rivolgersi anche a Dominio Mentale che è lieto di diventare cassa di risonanza per un progetto professionale tanto interessante quanto utile.
A tutti gli allievi è riservato un tirocinio giornalistico che consentirà loro di sperimentarsi nell'attività giornalistica e nel ruolo di critico teatrale, cinematografico, televisivo e musicale seguendo in anteprima stampa, eventi e manifestazioni nei maggiori teatri e nelle sale cinematografiche italiane. Sarà poi possibile assistere alle conferenze stampa di Rai e Mediaset, nonché presenziare ad eventi internazionali come la Biennale di Venezia, il Festival del Cinema di Roma, l’Umbria Jazz Festival, il Napoli Teatro Festival, il tutto in perfetta sintonia con convinzione che un mestiere lo si impara sul campo, vivendolo e sperimentandolo quotidianamente. 


Abbiamo parlato con il coordinatore e ideatore di questo interessante progetto, Davide Bellalba e vi facciamo sentire quello che ci ha raccontato:



Di seguito alcune fotografie che la redazione ci ha gentilmente inviato e che  ritraggono i partecipanti al master durante prestigiosi eventi.









0 commenti: