19 dic 2011

SALVATORE PASQUALINO : LI NOSTRI GUVERNANTI

LI NOSTRI GUVERNANTI


Lu nostru guvernanti 
è comu nu briganti,
fa la guerra n’contrannusi suttaterra.


Li so prumissi comu lu vientu,
volunu e sunnu lienti,
ci fa campari di spiranza,
spiranza senza sustanza,


Cavaleri! 
Cància misteri,
fai lu puparu
facciennuci sugnari. 


Sugnari n’Italia nova, 
senza ghiù prova,
n’Italia sula, mia, 
senza di tia.




BREVE NOTA BIOGRAFICA


Salvatore Pasqualino nasce a Butera (CL) il 12 settembre 1967, inizia a sentire il bisogno di scrivere fin dall’infanzia e questo lo matura e perfeziona nel tempo.
Ama i suoi ricordi definendoli  immagini del passato vissute nel presente proiettate nel futuro, come la moviola di un film, lenti ma intensi, sbiaditi o nitidi che siano i ricordi sono da immortalare nelle bianche pagine di un foglio.
Tramite la poesia lui cerca di deliziare l’anima del lettore cercando di far vivere intensamente emozioni e sentimenti attraverso liriche incise tra le righe di una poesia.
Tutto ebbe inizio il 14 maggio del 2011 al concorso Internazionale di Poesia premio Fortunato Pasqualino con la poesia in vernacolo siciliano, “Campari d’intra nu suonnu”, classificandosi al 2° posto, successivamente il 5 novembre dello stesso anno la poesia “Un istante prima” si aggiudica il premio giuria al concorso Internazionale di poesia Antonio Corsaro.
 A settembre la poesia “A mia moglie” viene selezionata da Aletti Editore al concorso Orizzonti e inserita nel libro Dedicato a … Poesie per ricordare, A ottobre la poesia “Il riflesso dell’anima” arriva prima nel concorso online Il Piacere di Scrivere e inserita in un e-book, infine al concorso di Poesia Internazionale Il Federiciano a Rocca Imperiale la poesia “L’inizio d’una fine” viene inserita nella trilogia dei poeti Federiciani del nuovo millennio da Aletti Editore.

0 commenti: